Home » Blog » Analisi della narrazione » Testi e cantautori » Eminem – Kim, 97′ Bonnie & Clyde, Stan

Eminem – Kim, 97′ Bonnie & Clyde, Stan

Songwriting, analisi di canzoni in inglese
PDF, 133 pagine, in inglese

Eminem – Kim, 97′ Bonnie & Clyde, Stan
Canta l’amore, canta anche l’odio!

Alcuni, alcuni, faranno tutta la loro carriera su un unico tema.

Amore, sempre amore.

Li sentiremo quindi articolare I Love You, I Need You, I Want You, I Want You, I Miss You in ogni tono, dalla supplica al grido orgasmico, dalla nostalgia per una storia passata alla speranza di una passione futura.

Mille variazioni, sempre un unico tema.

Li vedremo anche ritrarre gli amanti. Ci sarai essenzialmente Tu (che amo) e ci sarò anche Io (che ti amo), che si rifletteranno l’un l’altro attraverso i loro buoni sentimenti l’uno per l’altro.

Comunque, tutto andava bene nel mondo del lirismo musicale, quando all’improvviso è comparso un rapper bianco di Detroit, capelli biondi sbiancati, orecchini omofobici da frocio e da checca, pitbull che sbavava sulle labbra.

Questo rapper non era determinato né a spingere l’odio puro come tanti altri rinnegati del ghetto prima di lui, né a divertirsi con le storie d’amore pop che celebrano l’accoppiamento politicamente corretto dei suoi compatrioti cristiani.

No, questo aveva altri piani: scrivere e cantare canzoni d’amore, certo; ma soprattutto, piangere, gridare, gridare con rabbia, strapparli dalle loro piccole nuvole bugiarde e riportarli brutalmente sulla terra, confrontandoli con la cruda realtà delle vere passioni umane, in tutta la loro ambivalenza. Da quel momento in poi, non potevano che essere canzoni d’amore-odio.

97 Bonnie & Clyde, Kim, Stan: 3 storie collegate

CanzoneAlbumAnnoLabel
97′ Bonnie & ClydeThe Slim Shady LP1999Aftermath, Interscope, Web
KimThe Marshall Mathers LP2000Aftermath, Interscope
StanThe Marshall Mathers LP2000Aftermath, Interscope

In tre canzoni legate da temi simili (delitto passionale) e personaggi in comune (Eminem, Kim, Hailie, o un giovane padre, sua moglie e la loro figlia), Eminem rinnova profondamente il genere che affronta.

Riassumiamo brevemente queste tre canzoni:

  • 97′ Bonnie & Clyde si presenta come una ninnananna criminale. Un personaggio paterno, che è anche narratore e cantante, si rivolge alla figlia durante un viaggio in macchina. Lasciano la casa di famiglia e il padre spiega alla figlia che stanno portando il corpo della madre a fare una passeggiata al lago. Tra le righe, l’ascoltatore capisce che il padre si sta di fatto sbarazzando del corpo della moglie – madre della figlia – che ha appena ucciso.
  • Kim inizia anche con un padre che parla con la sua bambina, la sua “bambina”, prima di iniziare una violenta lite domestica in cui accusa la moglie di averlo tradito nel loro letto. Porta sua moglie e sua figlia a fare un giro in macchina e la sua rabbia aumenta fino ad infuriarsi. Finalmente le taglia la gola e la insulta con “sanguina, cagna, sanguina! “e la si può sentire morire, soffocata dal suo stesso sangue.
  • Stan si apre con le lettere di un fan al suo idolo Eminem. Glieli manda e gli chiede prima di tutto della sua famiglia e dei suoi cari. In una seconda lettera, appare arrabbiato e deluso dalla mancanza di risposta del suo rapper preferito, gli dà molteplici prove di ammirazione e di amore, fino al ricatto emotivo. In un terzo messaggio in forma audio questa volta, Stan sembra molto arrabbiato, terribilmente acido: senza alcuna risposta da parte di Eminem, Stan decide di suicidarsi, ha bevuto troppo, getta la sua auto da un ponte in un fiume mentre ha chiuso sua moglie nel bagagliaio e ha sua figlia accanto a lui, li sentiamo schiantarsi. Finalmente arriva la risposta di Eminem. Prima parla con Stan come se non fosse successo nulla, gli dà consigli e gli chiede notizie. Poi cita una notizia vista in TV, dove un pazzo si è buttato da un ponte con la moglie nel bagagliaio… era Stan.

Ascoltando queste tre canzoni, lo capiamo:

  • 97′ Bonnie & Clyde – sebbene sia stato pubblicato in precedenza – è la diretta continuazione narrativa della storia di Kim; entrambe le canzoni hanno esattamente gli stessi personaggi, e la fine di Kim – la sua morte – coincide esattamente con l’inizio di 97′ Bonnie & Clyde – anche gli effetti sonori lo sottolineano.
  • Stan racconta un’altra storia, ma parallelamente ad essa riflette e riprende i dati drammatici del duo Kim / 97′ Bonnie & Clyde.

Dal punto di vista dell’autore, scrivere una trilogia ha diversi vantaggi rispetto alla scrittura di una singola canzone:

  • È più raro, quindi ha più valore.
  • E’ anche più complicato e quindi più ricco di significato – ognuna delle 3 canzoni diventa un punto d’ingresso, un angolo rispetto alle altre due, modulando il loro significato, approfondendo la loro emozione.

Entriamo ora nei dettagli dell’analisi di ogni canzone, e torneremo più tardi per sintetizzare tutto ciò che abbiamo scoperto.

E poiché è più logico così, analizziamoli nell’ordine cronologico della finzione:

  • Eminem – Kim
  • Eminem – 97′ Bonnie & Clyde
  • Eminem – Stan

Eminem – Kim, 97′ Bonnie & Clyde, Stan – Sintesi

Così abbiamo mostrato attraverso l’analisi come questi tre brani si incrociano, si collegano, si sovrappongono, in un modo che è raro nella musica, che si aggiunge alla qualità e all’originalità di questi tre testi.

Diamo ora un’occhiata più da vicino a ciò che queste tre canzoni condividono, e poi cerchiamo di trovare qualcosa di utile per noi parolieri…

Queste canzoni giocano con i generi

Infatti, essi mescolano generi diversi, il che li rende più complessi e quindi più interessanti.

Tutti e tre sono autobiografici, con importanti varianti.

  • Kim racconta un finto delitto passionale, ma sappiamo che Eminem è abbastanza pazzo da aver davvero voluto uccidere sua moglie, Kim Mathers, a volte. Nel testo, Eminem si descrive sotto il suo vero nome – Marshall – e nomina anche la loro figlia, Hailie. Questi fatti sono reali.
  • 97′ Bonnie e Clyde continua la descrizione post-mortem dello stesso crimine passionale e rinomina Hailie con il suo vero nome.
  • Stan è più indiretta come autobiografia, poiché questa volta gli elementi della vita reale del cantante sono dati dal personaggio fittizio Stan: Stan gli chiede della figlia, fa un parallelo tra il padre sconosciuto e la madre maltrattata e i genitori di Eminem, ed evoca il clima di violenza domestica tra Marshall e Kim. La storia di Stan non è vera, ma le linee sembrano sfocate.

Kim e 97′ Bonnie e Clyde contengono elementi di ninnananna.

  • Kim, nel suo Prologo, e 97′ Bonnie e Clyde in pieno

Ma questa è una nuova forma di ninna nanna, che incorpora un elemento totalmente in contraddizione con questo tipo di “musica per bambini”: l’ultraviolenza.

In tutti e tre, e nel lavoro di Eminem in generale, il dialogo è una componente essenziale:

  • Kim è un dialogo tra l’aggressore, Marshall, e la vittima, Kim.
  • 97′ Bonnie & Clyde è un dialogo tra il padre e la figlia Hailie, che scandisce ogni verso con il suo affascinante balbettio e le sue risposte. Dare un ruolo vocale a un bambino in un dialogo è piuttosto raro nella storia della musica.
  • Stan appartiene al genere più ampio della letteratura epistolare, che è una forma di dialogo in cui ogni intervento viene ritardato di lettera in lettera. Questa letteratura epistolare comprende capolavori mondiali, per esempio il De natura rerum dal latino Lucrece, le Epistole di Paolo, o le relazioni pericolose di Choderlos de Laclos. Con originalità, ancora una volta, lo Stan di Eminem rompe una regola del genere raccontando lettere che non trovano il loro destinatario, o troppo tardi.

Tutte e tre sono storie criminali

  • Kim racconta un crimine passionale, 97′ Bonnie e Clyde racconta come si disfa del corpo per sfuggire alla giustizia e continuare a vivere tranquillamente con la sua amata figlia
  • Stan racconta lo stesso identico tipo di crimine

Tutti e tre mostrano motivi simili, quasi fantasie o ossessioni:

  • Il “doppio omicidio e suicidio” descritto in Kim e diretto in Stan
  • Tagliare la gola o tagliare la gola a tua moglie o a tuo figlio – in Kim e Stan
  • Uccidere sua moglie, in tutte e tre le canzoni
  • Chiudere la moglie o il suo cadavere nel bagagliaio della macchina, in tutte e tre le canzoni.

Questo crea una fitta rete di connessioni tematiche che fanno risuonare ogni canzone con una o più altre, tra gli album The Slim Shady LP e Marshall Mathers LP.

Tutte e tre sono storie d’amore, anche se paradossali e ambivalenti:

  • Kim è la dichiarazione d’amore (e di odio…) di Marshall a Kim e viceversa (entrambi dicono “ti amo” l’uno all’altro).
  • Stan è la dichiarazione d’amore (poi d’odio…) di Stan a Eminem, poi è almeno un segno d’affetto o di considerazione da parte di Eminem a Stan.
  • E 97′ Bonnie e Clyde è la dichiarazione d’amore di Eminem (e solo questa volta l’amore!) a Hailie, da padre in figlia.

Sessismo o realismo?

È possibile che una parte significativa del pubblico non riconosca queste canzoni come storie d’amore, sentendole troppo violente e odiose per meritare questo appellativo – soprattutto Kim, che alcuni semplicemente si rifiutano di ascoltare. Eppure ciò che Eminem ha avuto l’enorme audacia di scrivere e cantare è una vera espressione della realtà dell’amore e della coppia – è chiaro che “l’amore puro” senza conflitti, senza sentimenti contrastanti, non esiste. Il modo in cui molte storie d’amore finiscono con la delusione, l’odio, la gelosia, la tristezza, la disperazione, e a volte con l’omicidio, dimostra che Eminem non ha torto, anche se molte canzoni d’amore preferiscono idealizzare e rendere positivi, evidenziare i sentimenti nobili (“You’re The One”, “Love Me Tender”, “My Perfect lover”, “I’ll Never Leave You”), e nascondere tutto il resto sotto il tappeto.

Uno studio del Wall Street Journal ha mostrato che su 165.068 omicidi commessi negli Stati Uniti (esclusa la Florida) tra il 2000 e il 2010, un totale di 15.751 – poco meno del 10% – erano crimini tra marito e moglie, fidanzato e fidanzata, ex ed ex, o partner gay. 1 omicidio su 10 avviene in un rapporto d’amore e non di odio!

Questo può darci buone idee per i temi delle canzoni shock: potremmo avere buone possibilità di successo scrivendo di argomenti proibiti, tabù, inavvicinabili, inavvicinabili, indecenti, scorretti, ma realistici, corrispondenti a temi sociali reali, generalmente negati. Le tre canzoni nere di Eminem hanno contribuito a farne il leader mondiale delle vendite discografiche nel decennio 2000: ha venduto più di 100 milioni di album?

Per concludere su questo tema, ci si potrebbe chiedere: Eminem contribuisce al sessismo e alla violenza contro le donne, con canzoni che descrivono come gli uomini uccidono la donna nella loro vita? O, in altre parole, il pubblico può concludere da queste canzoni che uccidere il proprio partner è la cosa giusta da fare? Noi non la pensiamo così. I testi di Eminem hanno il merito di essere onesti nella loro crudezza: il cantante prende d’assalto il mondo come testimone dei suoi stessi impulsi distruttivi, e ci fa vedere quanto sia infelice e disturbata la sua violenza.

Invece di mascherare la realtà come fa la cultura popolare e commerciale, invece di schivare il difficile e doloroso tema della violenza contro le donne, Eminem (figlio di una donna maltrattata) e le sue canzoni d’amore/odio ne fanno un soggetto di emozione, attenzione, riflessione e dibattito. Non è perché si scrivono storie di omicidi che si commettono o si incitano le persone a commetterli, al contrario, rappresentando gli impulsi con la forza dell’immaginazione si ottiene senza dubbio una sorta di effetto vaccinale: ciò che ti sconvolge nella versione fittizia, ti insegna a gestire meglio la versione reale.

Conclusione

Autobiografia, ninna nanna, storia criminale, storia d’amore, dialogo, letteratura epistolare: in tre canzoni, ben sei generi sono utilizzati per strutturare questi testi. Questa densità appare fenomenale, eccezionale!

Eminem era naturalmente critico nei confronti della violenza, dell’iperrealismo e della banalità dei suoi testi, come se tutte queste qualità fossero difetti. Infatti, l’analisi letteraria delle sue opere dimostra che esse sono degne in qualità di molti autori riconosciuti. Fa più effetti drammatici, usa più generi, rispetta e infrange più regole, di molti autori medi. Provocazioni ed elementi volgari non hanno impedito a Shakespeare di ammaliare le menti. Solo perché si esce dal ghetto non significa che non si possano raggiungere certe forme di eccellenza.