Home » Blog » Analisi della narrazione » Music Video » Thriller – Michael Jackson – Analisi clip

Thriller – Michael Jackson – Analisi clip

Story&Drama analizza il mitico video musicale di Thriller di Michael Jackson, una clip in cui un giovane uomo prova un piacere malizioso nel terrorizzare e poi confortare la sua ragazza.

Questa analisi è un estratto gratuito del nostro libro di analisi di scenario di famosi video musicali :

Music video analysis
PDF, 133 pagine
Problemi? Leggi le FAQ Download.

Clip Thriller

Analisi e spiegazione del clip Thriller

  • 00:00 Schermo nero, poi appare un testo bianco su nero: “A causa delle mie forti convinzioni personali, desidero sottolineare che questo film non sostiene in alcun modo una credenza nell’occulto. Michael Jackson” (“A causa delle mie forti convinzioni personali, desidero sottolineare che questo film non sostiene in alcun modo una credenza nell’occulto. “) Queste parole scompaiono.

Tema e genere: queste poche parole introducono lo spettatore direttamente al tema del filmato – sappiamo automaticamente che si occuperà di fenomeni occulti -, e generano un effetto di distanziamento – ci viene ricordato che vedremo una finzione, un lavoro della mente, non un documentario sulla realtà.

Per la cronaca… Michael Jackson è stato cresciuto come testimone di Geova e ne è stato a lungo membro. Quando il clip di Thriller fu pubblicato, i Testimoni di Geova lo minacciarono di espulsione e Michael Jackson volle cancellare tutte le copie del clip per obbedirvi… Fu il suo produttore, che aveva ottenuto 1 milione di dollari da MTV (per un contratto di esclusiva per la trasmissione del clip) e da un’altra società (per la trasmissione in esclusiva del Making Of), a fargli cambiare idea, concedendo questo schermo dove Michael si dissocia dal lato francamente anticristiano del suo clip. Questa schizofrenia è già nella storia, tra un simpatico Michael e uno zombie/lupo di mare Michael…

00:12 Suoni del respiro, e il titolo MICHAEL JACKSON’S THRILLER viene visualizzato in grandi lettere maiuscole rosso sangue in una tipografia espressiva. Un leggero soffio di vento. Le lettere sono come animate dalla vita. Dopo pochi secondi, questo titolo svanisce, tornando al nero totale.

Media: questi effetti sonori ci fanno entrare molto gradualmente nello spazio della finzione, utilizzando simboli classici del genere “horror”, questo respiro e questo rumore del vento. Al contrario, il titolo, anche stilizzato, e il nome dell’autore ci ricordano che si tratta di un’opera. Questa ambiguità tra realtà e finzione sarà confermata in seguito, poiché anche Mickael Jackson, coautore della clip, attore principale, autore del testo, interpreta il proprio ruolo in essa.

Prova: notiamo che questa è già la seconda volta che il filmato mostra una dissolvenza al nero. Troveremo più volte in seguito questo effetto di taglio del nulla che invade lo schermo, ricordandoci metaforicamente certe ansie primarie, in particolare la paura della notte oscura, dalla quale possono nascere tutti i mostri.

00:20 Rumore di grilli nella notte. Una macchina guida lentamente nel buio.

Struttura e mondo: esposizione del mondo in cui si svolgerà l’azione di questa trama, ma anche quella degli altri: la notte, intorno all’ora in cui è stato girato il filmato.

00:35 Il motore dell’auto produce un suono anomalo. La macchina si ferma sulla pista. I fari si spengono.

Struttura: automaticamente, questo guasto compare come trigger per un primo lotto, che chiameremo lotto numero 1.

00:46 È Michael Jackson al volante, vestito come uno studente americano medio. È accompagnato da una giovane donna. Lo guarda in modo interrogatorio. Ride mentre spiega che hanno finito la benzina. Chiede: “E adesso cosa facciamo? »

Personaggi: Michael e la giovane donna sono gli Eroi di questa trama 1. Il loro antagonista è questo guasto alla benzina in un luogo deserto, e il loro obiettivo, si può dedurre, sarà quello di uscirne illesi, il che non sembra molto difficile al momento (possono camminare, un’auto potrebbe salvarli, ecc.).

Per la storia… l’attrice (Ola Ray) che interpreta la ragazza di Michael era stata avvistata dopo aver posato nuda nella pagina centrale dell’American Playboy… neanche lei è proprio cristiana, anche se interpreta un ruolo assolutamente casto…

L’una del mattino. Camminano fianco a fianco in silenzio. Le fa una dichiarazione d’amore, alla quale lei risponde positivamente. Le offre un anello, che lei accetta volentieri, e poi, come colto da una certa riluttanza, le dice di essere… “diverso”.

Struttura: questa scena racconta una seconda trama, la numero 2, in cui Michael è l’Eroe, il cui obiettivo è sedurre questa giovane donna per farne la sua ragazza. Quando ci riesce quasi subito, senza antagonismi, senza opposizioni, senza conflitti, si può credere che la trama finisca già lì, o che si complichi.

02:10 Melodia e piano della luna che si rivela dietro le nuvole. Michael comincia a contorcersi sul posto, come in una crisi epilettica. Lei lo guarda, preoccupata, cercando di capire cosa gli sta succedendo, gli chiede se sta bene, è piegato a metà.

Struttura: questa scena cambia i dati dell’idilliaca storia d’amore 2 ed è il vero innesco.

02:24 Si alza leggermente in piedi e il suo viso è cambiato radicalmente: ora ha orribili zanne, pelle più scura, occhi gialli e mostruosi, e grida “Andate via! “con voce bestiale. Urla, terrorizzata. La metamorfosi di Michael continua mentre ulula, le sue ossa si incrinano, le sue mascelle si allargano, gli crescono le zanne, così come i capelli, le orecchie, gli artigli, i baffi. Ora è un orribile lupo mannaro che indossa ancora i vestiti della simpatica studentessa americana. Lei urla e scappa via.

Struttura: con questa conferma dell’innesco, la storia d’amore 2 si è trasformata in storia dell’orrore 3, provocando una radicale riconfigurazione dei ruoli, degli obiettivi e della posta in gioco dei personaggi. Michael diventa l’Eroe contro la sua ragazza, che diventa l’Antagonista con l’obiettivo di salvarsi la pelle di fronte al mostro.

03:02 Corre selvaggiamente nella foresta, con il lupo mannaro alle calcagna. Distrugge un albero al suo passaggio, facendo un grido bestiale mentre la insegue.

03:36 Lui appare improvvisamente davanti a lei e lei cade a terra. Lui ruggisce, la minaccia, lei urla.

Struttura: così stavamo assistendo allo sviluppo del secondo atto, molto logico, di questa trama horror 3, e siamo arrivati persino alla crisi del terzo atto, un confronto diretto tra l’Eroe e l’Antagonista.

03:43 In perfetta continuità nella colonna sonora, vediamo i numerosi spettatori di un cinema che seguono l’azione, con Michael in mezzo alla folla, che sembra divertirsi molto, e la sua ragazza che, appesa al braccio, sembra terrorizzata. Le urla continuano, quindi è comprensibile che il lupo mannaro del film continui ad attaccare la povera ragazza, e Michael mangi popcorn con la faccia felice. La voce di un uomo nella colonna sonora del film dice: “È qui!” Un altro dice: “Mio Dio, guarda quella cosa!”, e poi scoppia uno scontro a fuoco. La ragazza di Michael a teatro gli chiede: “Possiamo andarcene da qui?” Michael dice: “No, mi piace!” Dice che non vuole più vedere il film, si alza e se ne va. Michael guarda lo schermo, esita un attimo, passa i popcorn al vicino, si alza e segue la sua ragazza. È vestito con una tuta di pelle rossa.

Media: la continuità della colonna sonora ci ha fatto capire che le trame 1, 2 e 3 che stavamo seguendo erano quelle di un film, una fiction.

Effetto speciale: qui abbiamo un film nel film, una finzione nella finzione, quindi una spettacolare mise en abyme.

Struttura: di conseguenza, tutto quello che abbiamo visto fin dall’inizio si rivela essere una falsa pista, semplicemente esponendo (Michael e la sua ragazza nel cinema) e innescando (la ragazza lascia il teatro) una trama numero 4, il cui eroe è Michael che si è goduto l’orrore e vorrebbe rimanere, e il cui antagonista è questa ragazza che, al contrario, vuole lasciare il cinema per non avere più paura. Questa trama 4 ha lo stesso tema della precedente: una storia d’amore, una coppia.

04:14 Un grande poster illuminato recita: “Palazzo / Vincent Price / Thriller”. Inizia la musica di Thriller. La telecamera scende verso l’ingresso del cinema. La ragazza esce, Michael la raggiunge fuori.

Ripetizione del motivo: è la seconda volta che il titolo della clip e la famosa canzone entrano a far parte della fiction.

Michael: È solo un film.

Questa linea sottolinea la mise en abyme con una forte e drammatica ironia.

La ragazza: Non è divertente.
– Ti sei spaventato, vero?
– Non tanto.
– Avevi paura…

04:40 Camminano nella notte buia. Lei cammina, lui inizia a cantare e a ballare intorno a lei. Comincia a ballare con lui, felice e rassicurata.

Struttura: si entra nell’atto II della trama 4 anche se per il momento la fonte del conflitto (il terrore proveniente dal film, con il supporto di Michael che lo apprezza) sembra essere completamente scomparsa – la tensione drammatica, dopo un primo volo, è quindi scesa quasi a zero.

Poi arriva il testo della canzone Thriller, pieno di sinistre evocazioni e orribili allusioni.

Il testo è direttamente indirizzato a un “tu”, che può riferirsi alla ragazza di Michael, allo spettatore del video o a qualsiasi essere vivente che stia ascoltando la canzone. L’uso del “tu” serve a facilitare l’identificazione dello spettatore con la storia e a lusingarci, perché la star, protagonista del video e della canzone, sembra rivolgersi direttamente a noi.

Struttura: Queste scene di canto e danza completano ancora una volta i dati della trama nella trama 4. È comprensibile che, come parte della loro storia d’amore, l’obiettivo di Hero Michael sia quello di far conoscere alla sua ragazza la paura e l’orrore, di accettare di giocare con essa.

06:25 Arrivano in un cimitero. Intorno a loro, molte lapidi.

Nella canzone, la voce di un uomo evoca l’ora di mezzanotte in cui le creature dell’aldilà o dell’inferno vengono a disturbare il mondo dei vivi.

Struttura: non ancora nota, ma questo passaggio incluso nell’Atto II del lotto 4, può passare anche per la mostra (Atto I) del lotto 5 a venire….

Nel frattempo, ingrandiamo una tomba. La terra fumante si agita, una pietra tombale si sposta di lato, aprendo la tomba, i corpi emergono dal terreno e a poco a poco emergono decine di zombie, la loro pelle verde e lacerata, gli occhi si afflosciano, i vestiti a brandelli.

07:33 La voce precedente ripete l’evocazione degli zombie, sopra la musica che si sta intensificando.

Struttura: con l’emergere degli zombie, che presto diventeranno gli Antagonisti di Michael e della sua ragazza, il secondo atto assume finalmente una dimensione drammatica davvero forte, perché lo spettatore sapeva in anticipo che la canzone di Michael era stata fatta per evocare il terrore, senza provocarlo davvero.

Ancora una volta la tensione drammatica raggiunge improvvisamente nuove vette, assumendo una forma che imita perfettamente l’emozione del terrore – un’improvvisa scarica di adrenalina.

08:04 Gli zombie si sono riuniti in gruppo per strada, e Michael e la sua ragazza, che stavano venendo dall’altra parte, si sono bloccati sul posto. Gli zombie li circondano. La musica si ferma e lascia il posto al silenzio. La coppia si affronta, cercando di trovare una via d’uscita dalla cerchia degli zombie, senza successo.

Struttura: una nuova e importante modifica dello schema drammatico dei dati e dei caratteri. Michael e la sua ragazza diventano gli eroi di un complotto numero 5 di autodifesa contro gli zombie-antagonisti, un complotto che si fermerà lì perché era solo un’altra falsa pista, o meglio una versione temporanea. Allo stesso tempo, questa scena costituisce l’inizio di una sorta di lunga crisi della trama 4 in cui Michael deve giocare con la paura della sua ragazza.

08:26 Improvvisamente, Michael si trasforma di nuovo, occhi sporgenti, sguardo sinistro sul suo viso. La sua ragazza lo guarda, spaventata. Inizia a ballare a scatti, accompagnato dagli zombie.

Struttura: la crisi continua, con un nuovo sconvolgimento nei dati drammatici… aprendo così una nuova trama, la numero 6, come Michael va al nemico e Hero diventa Antagonista (con lo scopo di uccidere la sua ragazza, Heroine ha di nuovo lo scopo di salvargli la vita come nella trama 3…) che ridefinisce gli zombie come suoi Aiutanti.

Contemporaneamente, la ripetizione del motivo della sua trasformazione in una creatura soprannaturale bestiale e spaventosa viene a mantenere il disturbo nella mente dello spettatore, tentato di vedere in questa scena una continuazione della trama 3 raccontata nel film che si svolgeva al cinema.

09:40 Michael inizia a cantare il coro “‘Cause this is thriller”, che mescola ambiguamente la volontà di spaventare e quella di rassicurare.

Temi e personaggi: questa ambiguità tematica della canzone è accompagnata da una profonda ambiguità sul ruolo di Michael – Eroe o Antagonista? Minaccia o salvatore?

10:35 La ragazza scappa nella notte. Entra in una casa abbandonata. Gli zombie la seguono. La musica si ferma e viene sostituita da suoni ambientali spaventosi, passi, grugniti.

Struttura: l’atto II del lotto 6 si sviluppa con questo nuovo colpo di scena.

11:07 Nell’oscurità della casa, la ragazza cerca una via d’uscita. Gli zombie rompono le finestre, escono dai pavimenti, la ragazza si rifugia su un letto e urla di paura. Michael e gli zombie vengono verso di lei, sempre più vicini, lei urla.

Struttura: la trama 6 entra in crisi (Atto III) la tensione drammatica raggiunge il suo apice, lo spettatore sente che la risoluzione e il climax sono vicini.

11:47 Improvvisamente l’ambientazione cambia: in un appartamento, la sera, Michael è in piedi davanti alla sua ragazza, con la sua tuta rossa e un viso normale, e sorridendo le chiede con voce normale: “Qual è il problema? “Lui la abbraccia, lei sorride, rassicurata, comincia a portarla a fare una passeggiata in salotto.

Struttura: climax! La trama 6 si risolve in modo del tutto inaspettato, cioè annullandosi a vicenda, proprio come la precedente terrificante trama del film è stata annullata. C’è anche l’esposizione della trama 7, dove Michael, Hero, mira a salvare la sua ragazza dai suoi peggiori incubi?

11:58 Si voltò verso di noi con un sorriso sulle labbra e con gli occhi gialli di un lupo mannaro; il riso diabolico risuonò e l’immagine fu congelata. Zoomiamo lentamente su quest’ultima immagine e la musica di Thriller riprende.

Personaggi: questa piroetta conferma la doppia natura e la profonda ambivalenza del personaggio di Michael (e probabilmente dello stesso Michael Jackson…), affascinante seduttore e mostro soprannaturale…

Struttura: ci si può chiedere se la trama 6 finisce davvero o se Michael cambierà di nuovo e terrorizzerà la sua ragazza…

12:05 Gli elementi dei titoli di coda appaiono: “Directed by John Landis, Written by John Landis and Michael Jackson”, ecc.

Struttura: questo elemento di chiusura meta-narrativa completa l’apertura in modo simmetrico, generando l’impressione di un ritorno all’ordine (e alla realtà) dopo aver attraversato una narrazione caotica.

12:22 Riprende la coreografia con gli zombie.

Struttura: questa ripresa del brano e della coreografia, come bonus, fa apparire l’elemento precedente come una falsa pista, un falso finale; allo stesso tempo, dato che le precedenti trame 4, 5 e 6 sono state inaspettatamente ma in modo abbastanza soddisfacente, non ci aspettiamo che l’azione riprenda.

13:17 Uno zombie senza testa cammina lentamente nell’oscurità. Appare un messaggio: “Tutti i personaggi di questo film sono di fantasia. Qualsiasi somiglianza con eventi o persone vive, morte (o non morte) sarebbe una pura coincidenza. “Altri due zombie si uniscono al primo e ballano in sincronia.

Struttura: Come prima, questo messaggio è perfettamente simmetrico al messaggio iniziale in cui Michael ci avvertiva che non credeva nel soprannaturale. Questi messaggi, giustapposti alla camminata dello zombie decapitato, rimangono nella logica della profonda ambivalenza delle trame della clip.

13:40 Su un insistente richiamo melodico che corrisponde al coro “Thriller”, ci guarda una brutta testa sorridente, capelli arruffati, carne ammuffita.

Struttura: stessa osservazione di prima.

13:42 Schermo nero.

Struttura: quest’ultimo effetto di simmetria (la clip aperta su una dissolvenza dell’immagine da uno schermo nero) rafforza ulteriormente il dispositivo dei parallelismi, che conferisce all’intera clip un’aria di perfezione, maestria, logica, razionalità, mentre la clip, la sua messa in scena, le sue trame, i suoi personaggi, il suo messaggio profondo, sono circa il contrario: inspiegabili rotture, assurdità illogiche, terrori dalle forme strane, ambiguità incontrollabili…

Commento

Una storia dentro una storia dentro una storia dentro una storia

In modo molto originale, lo scenario Thriller è un esercizio di stile di alto livello:

  • una doppia mise en abyme
  • un notevole effetto di asimmetria nella distribuzione delle informazioni
  • un effetto di montaggio anti-cronologico.

Proprio così. Dato che queste formulazioni sembrano diabolicamente complicate, entriamo nei dettagli.

C’è mise en abyme quando un’opera rappresenta un’opera o è inclusa in un’opera, e quindi si ripete a un livello inferiore o superiore – per esempio un’immagine dentro un’immagine, un libro dentro un libro, o come qui un film dentro un film. Si tratta di una forma frattale o di figura ricorsiva, come in matematica e geometria, quando una forma è costruita sulla stessa forma su una scala più piccola o più grande.

Se riassumiamo il filmato dopo averlo visto, ci rendiamo conto che la storia in realtà racconta questo:

  • Una donna sogna (si sveglia improvvisamente alle 11:47) di essersi persa nella foresta (dalle 04:40) con il suo fidanzato che si è trasformato in lupo mannaro (dalle 08:26) .
  • … dopo essere andati a vedere un film dell’orrore al cinema… (questo va avanti dalle 00:20, ma non lo sappiamo con certezza fino alle 03:43)…
  • … che ha mostrato lei e lui persi in una foresta (dalle 00:20) e dove si è trasformato in un lupo mannaro (dalle 02:24) …

Così abbiamo un film d’amore e poi un film dell’orrore (che Michael e la sua ragazza vedono al cinema) che fa parte di un sogno (fatto dalla ragazza di Michael) che fa parte di un film d’amore e di un film dell’orrore (la clip di Thriller) …

Come si vede, i fatti sono raccontati in ordine contrario all’ordine cronologico, quindi si parla di editing anticronologico (anti = contrario).

Questa bizzarra e brillante struttura ci viene rivelata solo molto gradualmente, ed è per questo che si può parlare di asimmetria nella distribuzione delle informazioni:

  • Quando guardiamo la prima trama, quella della rottura della coppia nella foresta, non sappiamo se si tratta di un film, mentre i personaggi di Michael e della sua ragazza sanno bene che sono venuti al cinema per vedere un film chiamato… Thriller
  • E quando guardiamo la trama in cui Michael e la sua ragazza fanno una passeggiata al buio dopo aver lasciato il cinema, e vengono poi attaccati dagli zombie di cui Michael è diventato il leader, non sappiamo che si tratta di un sogno della ragazza di Michael, mentre la ragazza, una volta sveglia o anche prima, lo sa, e Michael sa che non è nel sogno della sua ragazza, anche se probabilmente non sa di esserci stato…

Per complicare ancora di più le cose, il filmato ci stupisce alla fine con un ultimo indovinello: se la prima trasformazione di Michael in lupo mannaro era una falsa pista, dato che si trattava di un film, e se anche la seconda trasformazione di Michael in zombie capo era una falsa pista, dato che si trattava di un sogno, allora… perché Michael ha finalmente gli stessi occhi gialli che aveva nel film come nel sogno, quando sembra che siamo tornati alla realtà e al mondo normale? La questione non sarà mai risolta, ma semplicemente schivata un’ultima volta quando il filmato termina con le firme degli sceneggiatori Michael Jackson e John Landis che rivendicano il filmato come opera di pura finzione.

Ora immaginate che la storia ci sia stata raccontata in ordine cronologico: una giovane donna sta sognando, nel sogno va al cinema con il suo ragazzo e si vede in un film che si rompe con lui nella foresta, eccetera, escono dal cinema e poi camminano nella foresta e vengono attaccati dagli zombie, e infine il suo vero ragazzo la sveglia da questo incubo.

Una storia del genere, con esattamente gli stessi dati narrativi, gli stessi personaggi con gli stessi ruoli recitativi e gli stessi obiettivi, non avrebbe affatto lo stesso impatto. La tensione drammatica sarebbe molto più bassa, e il significato dell’insieme cambierebbe radicalmente.

Come abbiamo spiegato nello Scenario 1 e nello Scenario 2, una storia non è solo un insieme di fatti, azioni, personaggi, ma anche un narratore (qui onnisciente) che ce li racconta (o li passa in silenzio) in un certo ordine, e quindi costruire una storia non significa solo impostare i dati di base delle trame, ma anche farne un montaggio che ha una sua forza e rilevanza.

Il montaggio

Il montaggio, o struttura della trama, è ciò che rende il clip di Thriller così forte.

Questo montaggio utilizza diversi tipi di disposizione del terreno (vedi dettagli nello Scenario 2):

Trame fattoriale

Una trama è fattoriale quando fa parte di un’altra trama. Mentre questo processo si incontra di solito piuttosto raramente, nel thriller è di gran lunga la struttura maggioritaria, quasi fino al delirio: quasi ogni trama è una parte di un’altra e serve come esposizione di essa.

Quindi la trama 1, dall’esaurimento del gas, serve come esposizione alla trama 2, dalla dichiarazione d’amore, che serve come esposizione alla trama 3, dalla trasformazione in lupo mannaro, che serve come esposizione alla trama 4, dove Michael e la sua ragazza stanno guardando un film, che serve come esposizione alla trama 5, dove Michael e la sua ragazza vengono attaccati dagli zombie, che serve come esposizione alla trama 6, dove Michael è diventato il leader degli zombie, che serve come esposizione alla trama 7, dove Michael tira fuori la sua ragazza da un incubo interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando interbloccando. ..

Trame seriali

Contemporaneamente, le stesse trame funzionano anche in serie, cioè occupano esattamente gli stessi personaggi e assegnano loro ogni volta ruoli e obiettivi di recitazione leggermente diversi, quindi le trame 1, 2, 4, Le trame 5 e 7 danno a Michael il ruolo di un bel ragazzo, un po’ crudele ma corretto, che vuole amare e proteggere la sua ragazza, mentre le trame 3 e 6 danno a Michael il ruolo di un Eroe mostruoso che rappresenta una minaccia per la sua ragazza nella posizione di Antagonista, come se la storia si ripetesse.

Come nel racconto di fantasia, queste ripetizioni strutturali imitano un tipo di follia ben noto: l’ossessione.

Imparate a scrivere un video musicale leggendo la nostra analisi di 14 video musicali.

Music video analysis
PDF, 133 pagine
Problemi? Leggi le FAQ Download.