Home » Blog » Blogs » Come scrivere una sceneggiatura » La tensione drammatica, uno strumento per creare trame forti e migliorare le trame deboli

La tensione drammatica, uno strumento per creare trame forti e migliorare le trame deboli

Scrivere una storia senza un significato profondo, senza punti salienti, emotivamente piatta, strutturalmente confusa, con personaggi deboli e incoerenti, è molto facile: prendiamo un foglio, scriviamo qualsiasi cosa, senza piano o preparazione, e voilà, è pronto – buono per la spazzatura la maggior parte del tempo.

Ma scrivere una storia di alta qualità, altamente strutturata, pesante di significato, ricca di emozioni, con personaggi forti e coerenti, una storia che mantiene il pubblico interessato e attento, è un processo creativo difficile, quando scriviamo con l’ambizione di vedere questa storia diffusa a un vasto pubblico.

Infatti, qualunque sia il mezzo – letteratura, fumetti, cinema, televisione, internet, intrattenimento… – la concorrenza è agguerrita, il pubblico conosce già migliaia di storie di alta qualità con cui è difficile competere.

Fortunatamente, ci sono una serie di concetti e strumenti per aiutare noi scrittori a creare una storia di qualità o a correggere e migliorare una storia considerata debole.

In questo articolo, dopo aver spiegato il concetto di prognosi drammatica, vi introdurrò al concetto di tensione drammatica, e vi mostrerò alcuni modi per utilizzarla a fini creativi.

Ma prima, un richiamo ai fondamenti della scrittura narrativa.

La storia, la trama e i personaggi

Una storia è un misto di trame.

Una trama è una serie di situazioni e azioni legate ad un personaggio principale (l’Eroe di questa trama) dotato di un obiettivo (una ricerca, una missione, un problema da risolvere, un desiderio da soddisfare, ecc.)

L’obiettivo deve essere sostanziale – almeno dal punto di vista del personaggio – altrimenti non può essere un’identificazione dal pubblico al personaggio, quindi nessun coinvolgimento del pubblico nella storia.

L’obiettivo deve anche essere difficile da raggiungere – relativamente ai punti di forza e di debolezza di questo personaggio – altrimenti non c’è trama (l’obiettivo sarebbe raggiunto immediatamente, la trama si risolverebbe immediatamente) – ma non impossibile – perché questo ucciderebbe la trama.

In una trama complessa, l’Eroe non è l’unico interessato all’obiettivo.

L’obiettivo è contraddetto o impedito da almeno un altro personaggio, l’Antagonista – che o vuole l’obiettivo per l’Eroe in una logica di rivalità (per esempio, due genitori litigano per la custodia del loro figlio), o vuole impedire all’Eroe di raggiungere l’obiettivo (per esempio, il serial killer vuole uccidere le persone e il poliziotto vuole fermarlo).

In questa logica di antagonismo, altri personaggi si uniscono ai due protagonisti e finiscono per formare squadre antagoniste.

Con questo quadro teorico, vediamo come il concetto di tensione drammatica può aiutarci a scrivere storie migliori.

La tensione drammatica

La tensione drammatica è una sorta di energia astratta che il pubblico percepisce quando vede cambiamenti significativi in una trama.

La tensione drammatica

Per esempio, mettiamo le basi per una trama criminale / polizia:

  • Sappiamo che un serial killer sta vagando per la città e uccidendo bambini
  • Vediamo che un ispettore ha il compito di trovare il criminale e fermare gli omicidi

Ok, questo ci dà questi elementi:

  • Eroe, il poliziotto
  • L’antagonista, il serial killer
  • Scopo di Heroes : fermare il serial killer
  • Scopo dell’Antagonista: continuare a uccidere senza essere arrestato

Ora, diciamo che poi vediamo queste scene: cosa cambiano nella tensione drammatica?

  • Scena in cui il poliziotto pranza con un collega e discute dei suoi problemi di relazione con la moglie
  • Nessun cambiamento nella tensione drammatica. Questa discussione non ha alcun impatto sull’obiettivo dell’eroe o sulla trama.
  • Scena in cui il poliziotto pranza con un collega, si dice appassionato di profiling, fa supposizioni – che il pubblico sa essere corrette – sull’identità del criminale, e delinea un piano credibile per intrappolarlo
  • La tensione drammatica aumenta quando l’eroe sembra pronto a raggiungere il suo obiettivo
  • Scena che mostra un pacco vuoto
  • Nessun cambiamento nella tensione drammatica
  • Scena che mostra un pacco, pieno di bambini che giocano
  • La tensione drammatica sale, come elemento dell’obiettivo dell’antagonista, ma non sale molto fino a quando non si dimostra che il criminale è in agguato e che un nuovo crimine è imminente.
  • Scena che mostra un parco, pieno di bambini che giocano, con il criminale, seduti su una panchina, che li osserva e poi parla con uno di loro
  • La tensione drammatica aumenta più che nella situazione precedente, in quanto l’Antagonista sembra più vicino al suo obiettivo
    Scena che mostra la stessa scena della precedente, con il poliziotto che osserva il criminale da un edificio
  • La tensione aumenta ancora di più rispetto alla scena precedente da questa volta, perché i 2 personaggi principali sembrano vicini al raggiungimento del loro obiettivo
  • Proseguimento della scena precedente: il criminale riesce a isolare un bambino e comincia ad andarsene con lui, poi il poliziotto si mette all’inseguimento; quando il criminale se ne accorge, fugge e dopo un minuto di inseguimento, sparisce
  • La tensione aumenta notevolmente durante la scena, raggiunge il suo apice durante l’inseguimento, e cade quando l’Antagonista si trova fuori dalla portata del poliziotto.

Da questo piccolo esempio, traiamo alcune conclusioni generalmente valide:

  • La tensione drammatica aumenta quando cambiano i fondamenti di una trama, soprattutto quando l’obiettivo è più vicino
  • La tensione drammatica varia in intensità (un po’, molto, molto) e direzione (sale e scende)

Quindi, anche se rimane relativamente soggettiva, possiamo MISURARE la tensione drammatica: possiamo valutarla su una scala da 0 a 10 per esempio, e assegnarle un segno + o -. Possiamo quindi dire che una data scena fa cambiare la tensione di +3 o -1.

Ora che sappiamo esattamente cos’è la tensione drammatica, possiamo vedere meglio cosa possiamo farne:

Creare una trama

Poniamo le basi di un complotto:

  • Definiamo i personaggi principali (Eroe e Antagonista) e i loro obiettivi
  • Abbozzeremo il percorso tra la situazione iniziale e la risposta finale alla domanda “l’obiettivo è stato raggiunto?
  • E a queste tappe si attribuiscono drammatiche variazioni di tensione:
    • Fase 1: da 0 a +5
    • Fase 2: da +5 a +2
    • Fase 3: da +2 a +7
    • ecc.

Possiamo quindi, fin dall’inizio, costruire un profilo di tensione drammatica, che fluttua, che va crescendo verso il massimo durante la sua risoluzione finale – prima ancora di conoscere il CONTENUTO di queste drammatiche variazioni di tensione.

Poi, sapendo quali livelli e quali variazioni di tensione dobbiamo ottenere in una data scena, dobbiamo solo sviluppare un contenuto che gli corrisponda.

Questo metodo, se si sa come applicarlo con rigore, garantisce la produzione di una trama coerente ed efficace.

Per correggere una trama

  • Ammettiamo di aver scritto il riassunto di una trama senza un metodo rigoroso, e che ci rendiamo conto che questa trama, almeno a volte, non è abbastanza forte, o che ristagna
  • In questo caso possiamo ricostruire il profilo della tensione drammatica, e vedere esattamente in quali momenti la tensione ristagna per mancanza di eventi importanti, o in quali momenti varia solo in una direzione in modo monotono e noioso, e quindi quali momenti devono essere riscritti per migliorare la tensione

Come aumentare la tensione drammatica?

  • O avviciniamo l’Eroe, o l’Antagonista, al loro obiettivo
  • O rafforziamo o indeboliamo l’una o l’altra squadra
    • Così, se l’Eroe pensava di trovarsi di fronte a un solo personaggio ostile, e si trovava di fronte a 10, la tensione sale perché l’Antagonista è diventato improvvisamente molto più forte del previsto.
    • Oppure, se verso la risoluzione di un complotto, gli alleati dell’Antagonista vengono eliminati uno dopo l’altro dall’Eroe e dai suoi alleati, la tensione aumenta man mano che l’Eroe si avvicina alla vittoria.

Il bouquet finale

Abbiamo visto come usare la tensione drammatica sulla scala di un singolo intreccio.

Ma naturalmente, la maggior parte delle storie sono complesse, cioè costituite da più trame, tagliate in parti e mescolate.

Quindi la tensione (proprio come la prognosi) deve essere gestita anche sulla scala del mix generale delle trame.

Immaginate per esempio una storia fatta di 4 trame. Queste trame sarebbero costruite per culminare nella convergenza generale in una lunga scena finale. Nel corso della storia, cambieremmo le previsioni e la tensione, + / – / + / + / – / + / + / -… Quando la tensione scende in una trama, poi sale in un’altra, facendo vivere al pubblico l’esperienza delle montagne russe. Dully, la tensione media salirebbe in un lento crescendo. E alla fine, la scena di convergenza vedrebbe il ritmo accelerare, e le variazioni di prognosi e di tensione accelererebbero rapidamente come in una serie di esplosioni: bam! bam! bam! bam! BAAAM!

Non ho la minima idea di cosa sia questa storia di fantasia, ma so che è possibile concepirla fin dall’inizio, solo in termini di tensione e prognosi. Se volete sapere di cosa parla, scrivetevela voi stessi!

Se volete saperne di più su come scrivere una sceneggiatura, leggete le nostre lezioni di narrazione e analisi di opere famose.