Home » Blog » Blogs » Teoria della narrazione » Creating Unforgettable Characters, di Linda Seger

Creating Unforgettable Characters, di Linda Seger

Creating Unforgettable Characters

La “dottoressa della sceneggiatura” (script-doctor) Linda Seger ha pubblicato nel 1990 un libro intitolato Creating Unforgettable Characters, con questo sottotitolo: “Una guida pratica per lo sviluppo dei personaggi nei film, nelle serie televisive, pubblicità, e romanzi“.

Linda Seger ha in particolare lavorato come consulente per molti film e serie (come McGiver e The Bridge) e ha visto migliaia di copioni passare attraverso le sue mani.

In Creating Unforgettable Characters, espone in 10 capitoli la sua visione di creare personaggi drammatici:

  1. Indagini sul personaggio
  2. Definizione del personaggio. Coerenza e paradossi
  3. Il passato del personaggio
  4. Psicologia del carattere
  5. Relazioni tra i personaggi
  6. Caratteri secondari
  7. Dialogo
  8. Personaggi immaginari
  9. Come evitare gli stereotipi
  10. Risolvi i problemi con i personaggi

Diamo uno sguardo più da vicino!

Riepilogo dei consigli di Linda Seger

Nel primo capitolo Indagini sul personaggio, Linda Seger consiglia di conoscere molto da vicino ciascuno dei personaggi che si desidera creare, ad esempio entrando in contatto con persone che li incarnano nella vita reale. L’idea di base è che parliamo bene solo di ciò che sappiamo.

Se il consiglio sembra buon senso, ci si chiede come applicarlo quando si scrive una storia di serial killer, un romanzo storico medievale o un film di fantascienza nell’anno 4000: contattiamo il serial killer più serio. vicino, visitiamo la corte del re, o andiamo a tutta velocità con la sua astronave per raggiungere il futuro? Se solo parliamo bene di ciò che sappiamo e di ciò che è necessario per costruire un personaggio, allora addio draghi, addio Darth Vader, addio principessa blu, addio guerrieri vichinghi, addio alieni. La maggior parte dell’immaginazione è fuori portata…

Linda Seger consiglia quindi di prestare attenzione al contesto culturale dei personaggi, al loro periodo storico, al loro ambiente di vita, alla loro professione… Tutti questi consigli, giudiziosi se si tratta di scrivere un’opera realistica, perdono tutto rilevanza non appena usciamo da questo quadro. Linda Seger in realtà consiglia di mettere in pratica ciò che l’etnologia e la sociologia hanno coniato come indagine partecipativa o indagine di immersione. Solo che in molte finzioni è assolutamente impossibile.

Nel capitolo 2 sulla definizione del carattere, Linda Seger consiglia di praticare l’osservazione, basando i personaggi sulla realtà. Ma lo stesso problema… Se scrivi una storia con una persona autistica dotata quando non ne conosci nessuno personalmente, come applichi questo consiglio?

Quindi consiglia di sviluppare diverse qualità coerenti per ogni personaggio allo stesso tempo, senza dimenticare di dotarle anche di paradossi.

Per creare un carattere plausibile, suggerisce di attribuire loro emozioni, atteggiamenti (affrontare situazioni, affrontare gli altri, affrontare se stessi) e valori – che si sveleranno in particolare nei momenti di crisi – senza dimenticare alcuni dettagli. quelli significativi che li renderanno più veri.

Su questi ultimi due suggerimenti, non possiamo che essere d’accordo.

Nel capitolo 3 sul passato del personaggio, Linda Seger suggerisce di sviluppare ampiamente il passato del personaggio, anche se non lo racconti mai – a livello fisico, psicologico e sociologico. Infatti, sapendo da dove proviene, saprai meglio dove può andare.

Nel capitolo 4 sulla psicologia del carattere, Linda Seger discute quelli che lei chiama i 4 aspetti della psicologia del carattere:

  • Il passato interiore
    • L’infanzia in particolare determina profondamente la personalità dell’adulto
  • L’inconscio
    • Non dobbiamo dimenticare che i personaggi non sanno completamente chi sono; lo sceneggiatore deve però avere un’idea di cosa si nasconde in loro!
  • Tipo di personalità
    • Linda Seger fornisce l’esempio di diverse tipologie di personalità, che possono ispirare la creazione di personaggi
  • Psicologia anormale
    • La psicopatologia, anche quella delle persone “normali”, può essere utilizzata per plasmare personaggi realistici

Nel capitolo 5 sulle relazioni tra i personaggi, Linda Seger inizia notando che un buon numero di finzioni non ha uno, ma due personaggi principali, come nelle serie Starsky e Hutch.

Questi duetti si basano su un doppio principio di attrazione (sono simili) e conflitto (differiscono): è una questione di equilibrio.

Linda Seger studia quindi il caso dei triangoli amorosi, dove due personaggi competono per l’amore di un terzo. Questa configurazione moltiplica i possibili conflitti.

Nel Capitolo 6 sui personaggi secondari, Linda Seger consiglia di seguire un processo per creare questi personaggi:

  • Assegna loro una funzione
    • Per evidenziare l’eroe, sviluppa il tema della storia o fai avanzare l’azione
  • Creali in contrasto con gli altri
    • Ogni personaggio secondario deve contrastare non solo con i personaggi principali, ma anche con gli altri personaggi secondari, per evitare la monotonia
  • Dai loro corpo aggiungendo dettagli significativi

Nel capitolo 7 sul dialogo, Linda Seger definisce un buon dialogo: dovrebbe essere veloce, breve, conflittuale e facile da dire. Deve anche rivelare la personalità dei personaggi, le loro intenzioni, le loro motivazioni, le loro idee, i loro sentimenti, le loro caratteristiche.

Sviluppa la nozione di sottotesto: un buon dialogo dice le cose solo indirettamente, attraverso insinuazioni.

Nel capitolo 8 sui personaggi immaginari, Linda Seger definisce 4 tipi di personaggi immaginari:

  • Personaggi simbolici
    • Rappresentano grandi idee, come la giustizia; esempio: Superman!
  • Personaggi non umani
    • Questo è il caso degli animali umanizzati nei cartoni animati, nei racconti o nelle favole
  • Personaggi di fantasia
    • Questi sono esseri meravigliosi: elfi, spiriti, streghe, diavoli, sirene…
  • Personaggi mitici
    • Fanno riflettere e rappresentano una tradizione culturale: il cowboy, il vampiro…

Nel capitolo 9, Come evitare gli stereotipi, Linda Seger critica in particolare la rappresentazione stereotipata e sproporzionata dei gruppi etnici e delle donne nella narrativa americana. Consiglia di ritrarre la società così com’è e di dare ai personaggi ruoli che rompono gli stereotipi, anche per quelli delle popolazioni standard (quindi il maschio bianco americano non deve essere sempre macho, dominante e come la donna di colore può anche essere un prestigioso avvocato).

Nel Capitolo 10, Risoluzione dei problemi relativi ai caratteri, Linda Seger elenca i personaggi che potrebbero essere problematici e suggerisce soluzioni:

  • Personaggi ostili
    • Anche se sono fatti per essere, lo sceneggiatore deve trovare un modo per capirli e accettare il loro lato negativo.
  • I personaggi incomprensibili
    • Quando un personaggio si rivela drammaticamente cattivo, Linda Seger consiglia di scrivere scene non correlate per lui – solo per vederlo esistere e quindi capirlo meglio.
  • I personaggi vaghi
    • Il carattere può essere troppo vago, troppo astratto, troppo coerente, troppo semplice. Per migliorarlo, possiamo trarre ispirazione da persone che conosciamo.
  • Personaggi non commerciali
    • Se il personaggio sembra troppo negativo, ad esempio, Linda Seger offre… un compromesso.
  • Caratteri secondari
    • Se un personaggio secondario prende il sopravvento, Linda Seger si offre… o di rimetterlo al suo posto o di lasciarglielo fare.
  • Storia o problema con il personaggio?
    • Se un personaggio ti resiste davvero… perché non sostituirlo completamente?
    • Ma assicurati che sia il personaggio a essere sbagliato, non la storia!
  • Tecniche per affrontare questi problemi
    • Linda Seger offre le seguenti tecniche:
    • Scrittura gratuita. Scrivi qualsiasi cosa sul personaggio e ricorda cosa ti aiuta
    • Torna alle definizioni dei personaggi
    • Leggi a un pubblico, che ti dirà cosa c’è che non va
    • Cambia uno dei suoi parametri principali: il suo sesso, la sua età, ecc.

Recensione di Creating Unforgettable Characters

Creating Unforgettable Characters è sicuramente una lettura interessante, ma che lascia un sapore un po’ amaro di superficialità e incompletezza.

Linda Seger fornisce certamente consigli di buon senso, ma spesso sono vaghi, superficiali e ovvi, o talvolta totalmente inapplicabili, senza presentare alcun approccio teorico e in definitiva offrendo pochissimi strumenti concettuali e pratici.

Ad esempio, non esamina il caso di più trame, in cui lo stesso personaggio ha ruoli attanziali diversi, e quindi presenta aspetti diversi. (Story&Drama ha studiato questo caso molto interessante di personaggi che interpretano ruoli diversi in trame che si intersecano e si fondono insieme, ad esempio nella trama di Pulp Fiction.)

Linda Seger non fa nemmeno menzione dei ruoli attanziali – come se ignorasse totalmente la narratologia scientifica (formalista, strutturalista…) conosciuta da un secolo (con le opere di Polti, Propp, Souriau, Greimas ecc.)…

Né fornisce uno studio dettagliato di quei concetti su cui si basa la qualità drammatica dei personaggi: la loro relazione con l’obiettivo dell’Eroe, i valori che rappresentano e la loro motivazione.

Inoltre non spiega come far evolvere i personaggi nelle trame e nella storia generale – e non parla di gruppi di personaggi che si formano e si ricompongono lungo la strada, cambiando l’equilibrio del potere. Evoca semplicemente l’idea che un personaggio possa evolversi, senza tener conto della dinamica drammatica complessiva.

La sua parte sulla psicologia dei personaggi rappresenta la debolezza dell’insieme: si limita a richiamare prove note sin da Freud (1900…) e non cita alcun psicologo successivo a Carl Jung (1940-50…), le cui teorie erano, inoltre, piuttosto fantasiose e non hanno avuto quasi alcun seguito. È un bagaglio teorico davvero molto leggero – nessuna considerazione degli sviluppi nella psicologia scientifica, dal cognitivismo alla psicosociologia attraverso il comportamentismo.

Infine, Linda Seger cita molti altri sceneggiatori. Molte sottosezioni dei suoi capitoli sono tratte da citazioni prese in prestito da altri autori, senza alcun intervento personale… Da un lato è generoso e umile, dall’altro ci si chiede un po ‘ Chi è l’autore e l’esperto del libro: lei oi suoi colleghi? Puoi davvero firmare la metà di un libro di testo dei consigli presi in prestito da altri autori?

Un buon punto comunque: cita anche molti esempi di opere di vari generi (soprattutto audiovisivi), personaggi di queste opere e dialoghi, e quindi rende il suo lavoro un po ‘più vivo.

In breve, per un primo approccio, Creare personaggi indimenticabili può fornire ispirazione agli autori alle prime armi rivedendo una serie di parametri. Ma se stavi cercando competenze e strumenti teorici universali, probabilmente rimarrai affamato.

Bonus: sito personale di Linda Seger.