Home » Blog » Blogs » Teoria della narrazione » L’eroe dai mille volti, di Joseph Campbell

L’eroe dai mille volti, di Joseph Campbell

L’eroe dai mille volti di Joseph Campbell

Nel 1949, il professore americano Joseph Campbell pubblicò il suo libro L’eroe dai mille volti (The Hero with a Thousand Faces), in cui descriveva quello che chiamava il “monomito” del “viaggio dell’eroe”: tutti i miti del mondo verrebbe da un unico archetipo, che Campbell afferma di essere in grado di ricostruire.

Il viaggio dell’eroe

Joseph Campbell descrive il viaggio dell’eroe come una serie di fasi che raggruppa in tre sequenze principali:

  • I. La partenza
    • 1. Il richiamo dell’avventura
      • L’eroe sperimenta una mancanza o riceve una missione da compiere
    • 2. Rifiuto del ricorso
      • L’eroe esita a rispondere alla chiamata, ad esempio perché deve rinunciare ai titoli
    • 3. Aiuto soprannaturale
      • L’eroe incontra inaspettatamente uno o più mentori
    • 4. Attraversamento della prima soglia
      • L’eroe supera la sua esitazione e parte
    • 5. La pancia della balena
      • I problemi che l’eroe deve affrontare minacciano di sopraffarlo: per la prima volta si rende conto della piena portata del compito
  • II. Iniziazione
    • 1. Il percorso delle prove
      • Emersione di problemi che possono essere interpretati come difficoltà (che possono essere battaglie contro la propria resistenza interna e le proprie illusioni)
    • 2. L’incontro con la dea
      • L’eroe scopre il potere del sesso opposto
    • 3. La donna tentatrice
      • L’alternativa al percorso dell’eroe può anche rivelarsi un momento molto piacevole al fianco di una donna
    • 4. Riconciliazione con il padre
      • L’eroe si trova di fronte alla consapevolezza di essere parte di una catena genealogica. Porta l’eredità dei suoi antenati, o il suo avversario è in realtà se stesso
    • 5. Apoteosi
      • Nella realizzazione del viaggio dell’eroe, gli diventa chiaro che ha un potenziale divino (nelle fiabe, scopre di avere sangue reale)
    • 6. L’ultimo regalo
      • L’eroe riceve o ruba un elisir o un tesoro che potrebbe salvare il mondo quotidiano da cui l’eroe è partito. Questo tesoro può anche consistere in un’esperienza interna simboleggiata da un oggetto esterno.
  • III. Il ritorno
    • 1. Rifiuto di ritorno
      • L’eroe è riluttante a tornare nel mondo della vita quotidiana
    • 2. La fuga magica
      • L’eroe è spinto a tornare da motivazioni interne o compulsioni esterne
    • 3. Aiuto esterno
      • Un atto o un pensiero dell’eroe sulla strada ora diventa la sua salvezza sulla via di casa. Spesso è un atto di empatia nei confronti di un cosiddetto “essere inferiore” che viene premiato.
    • 4. Superamento della soglia di ritorno
      • L’eroe varca la soglia del mondo quotidiano da cui proviene. Incontra incredulità o incomprensioni e deve integrare nella vita quotidiana ciò che è stato trovato o realizzato durante il suo viaggio. (Nelle fiabe: l’oro che improvvisamente si trasforma in cenere)
    • 5. Signore di due mondi
      • L’eroe combina la vita di tutti i giorni con la sua nuova conoscenza e concilia il suo essere interiore con le esigenze esteriori
    • 6. Liberi di vivere
      • L’elisir dell’eroe ha cambiato il “mondo normale”; condividendo le sue esperienze con lui, gli eroi hanno condotto il mondo normale a una nuova libertà di vita

The Monomyth - Joseph Campbell, The Hero With a Thousand Faces

Successo dell’eroe dai mille volti

L’eroe dai mille volti / The Hero with a Thousand Faces ha riscosso un grande successo non solo presso il grande pubblico (il lavoro è stato pubblicato in decine di lingue), ma anche con alcuni sceneggiatori che l’hanno utilizzato per scrivere loro stessi lavori. è diventato molto famoso:

  • Georges Lucas ne è stato ispirato per Star Wars
  • Stanley Kubrick ha letto il libro di Campbell ad Arthur Clarke e sono stati ispirati a scrivere 2001, Odissea nello spazio
  • Ne trarrebbero ispirazione anche i film Mad Max, Pretty Woman o Il silenzio degli innocenti
  • Lo sceneggiatore di Hollywood Christopher Vogler si è affidato a Campbell per scrivere la sua Guida per gli sceneggiatori, che ha ispirato gli autori dei film Disney Aladdin, Il re leone e La bella e la bestia.

Discussione

Una tesi scientificamente dubbia

La tesi di Joseph Campbell in L’eroe dai mille volti sembra attraente a prima vista, specialmente quando non ne sai nulla.

In effetti, la tesi del “monomito”, del singolo mito, dà la comoda impressione che si possa finalmente ridurre la diversità delle culture, sia quella religiosa che quella narrativa, a una storia unica e unica – e viceversa, a ciascuna cultura narrativa. che deriverebbe da questo modello conterrebbe la sua quota di universalità. In questo modo, il mondo sarebbe unificato e intelligibile.

Tuttavia, Campbell non fornisce uno straccio di prova e che il suo lavoro, se ha influenzato sceneggiatori e opere di successo, non ha incontrato molta eco nei circoli scientifici.

Joseph Campbell si accontenta di aggregare semplicemente elementi disparati, presupponendo che siano correlati – quindi mescola i miti greci, la storia ebraica di Gesù, la storia indiana di Buddha e dozzine di altre fonti, in prestando pochissima attenzione alle differenze nei contesti culturali, religiosi o storici. Afferma che esiste un monomito, quindi un’unica fonte, mentre antropologia e preistoria hanno mostrato da milioni di anni la pluralità dei centri di sviluppo dell’umanità.

Cosa fare artisticamente con L’eroe dai mille volti?

Come abbiamo visto, L’eroe dai mille volti è già stato utilizzato con successo in una serie di opere famose, che sembrano molto diverse tra loro. Quindi potrebbe essere una buona idea continuare a estrarlo…

Eppure possiamo anche giudicare che la ricetta sia già stata sfruttata eccessivamente e che la ripetizione delle stesse corde finisce per annoiare il pubblico.

Inoltre, se bastasse seguire Campbell o altri autori che hanno seguito questa strada (Vogler, Snyder…), viene da chiedersi a cosa serva la creatività: ci sarebbe quindi una sola storia. da raccontare, sempre lo stesso? Gli autori alla fine farebbero solo varianti dello stesso quadro narrativo obbligatorio?

Ovviamente no. L’arte narrativa è molto più ricca di così. Notiamo che le opere che hanno ispirato il lavoro di Campbell, e che Campbell ha ispirato, hanno in comune l’essere epiche, eroiche. Di conseguenza questo modello si rivela inapplicabile non appena si lascia questo campo e si vuole sviluppare, ad esempio, una storia iperrealista, o una commedia.

Un’altra critica frequente riguarda il lato terribilmente sessista del cosiddetto monomito: racconta di come l’Eroe, sempre maschio, vada in un’avventura e ignori ogni punto di vista femminile. Applicare il presunto modello universale di Campbell, ispirato alle società agrarie patriarcali, equivarrebbe quindi a negare qualsiasi partecipazione alla metà femminile dell’umanità… Non molto sexy per tutti gli autori dopo le rivoluzioni femministe…