Home » Blog » Blogs » Come scrivere una sceneggiatura » Come creare personaggi secondari

Come creare personaggi secondari

Il cuore di una grande storia è costituito da un insieme di personaggi affascinanti: i protagonisti, naturalmente, ma anche i personaggi secondari.

Possono essere accoliti, migliori amici, compagni d’amore o antagonisti. Tutti loro ti aiutano a costruire ed evidenziare il tuo personaggio principale.

Un buon mix di questi personaggi permette ai vostri lettori di approfondire le loro conoscenze durante la lettura.

In questo articolo vi mostrerò come creare forti personaggi di supporto per approfondire la vostra storia.

Chi sono i tuoi personaggi di supporto?

Insieme ai personaggi principali, i personaggi di supporto giocano un ruolo fondamentale, e sta a voi associarli al vostro personaggio principale.

La trama non si concentrerà sulla loro storia. Ma aiutano a sviluppare il personaggio principale, a creare conflitti o a definire ulteriormente la trama. Cambiano anche la drammatica prognosi, cambiando l’equilibrio del potere – quando un personaggio minore si allea con l’Eroe o l’Antagonista, o lo tradisce.

I personaggi minori spesso interagiscono con il tuo personaggio principale durante tutta la storia. È possibile collegare questi due personaggi attraverso dialoghi, ricordi condivisi o brevi incontri.

A volte forniscono all’Eroe o all’Antagonista un aiuto materiale o morale; a volte aiutano a combattere la parte opposta e a volte si sacrificano per salvare il loro alleato.

I lettori devono essere in grado di identificarsi con i vostri personaggi secondari che, anche se non date loro tanta profondità quanto i personaggi principali, devono comunque rimanere abbastanza complessi da essere credibili.

Come si scrive un personaggio secondario?

Può essere difficile scrivere un personaggio secondario quando l’attenzione è rivolta al personaggio principale. I vostri personaggi di supporto giocano un ruolo chiave nel successo o nel fallimento della trama.

Ecco perché è necessario sottolineare così tanti dettagli e dare loro una storia e una vita propria.

Per sviluppare i vostri personaggi secondari, ecco alcuni consigli da considerare:

Dare loro una storia

Un personaggio secondario dovrà avere una vita propria. Questo include la sua personalità, la sua complessità e la descrizione della sua identità.

I personaggi secondari dovrebbero variare l’uno dall’altro – e rappresentano una buona opportunità per avere un quadro completo del mondo sociale in cui si svolge la vostra storia.

Ad esempio, in una storia di guerra: ogni soldato ha i suoi valori, il suo rapporto personale con la morte e il rischio della vita, ognuno ha una forma diversa di coraggio o di codardia, un modo diverso di reagire alla paura, alla violenza, all’autorità…

O ancora, in una storia di tribunale, di processi, di giustizia: ogni giudice, ogni avvocato, ogni testimone, ha il proprio livello di competenza giuridica, impegno, sincerità, esperienza, notorietà… Ognuno ha il suo modo di parlare, di stare in piedi, di pensare, di sentire.

Tuttavia, non si fissi troppo sui dettagli. Se si scava troppo a fondo nei dettagli, i lettori si allontanano dalla trama principale.

Dare loro potere

È essenziale che i caratteri secondari siano autonomi. Questi personaggi non sono veloci a dire “sì” al protagonista. Hanno i loro obiettivi, interessi, bisogni, urgenze, priorità.

Nessuno vuole vedere un personaggio di supporto che vive all’ombra del suo protagonista. La trama si appiattisce solo se sono ancora d’accordo con il ruolo principale.

I personaggi di supporto devono vedere la storia interiore da un altro punto di vista. Sia che si tratti di una spalla o di un migliore amico, possono prendere decisioni indipendenti.

Questi disaccordi tra alleati aggiungono una tensione drammatica al cuore di ogni parte.

Il loro scopo è quello di far emergere il meglio del protagonista e dell’antagonista, buono o cattivo che sia. Possono provocare conflitti o rivelare dettagli che aiutano a sfidare il protagonista.

Per esempio, ne Il Piccolo Principe, all’inizio del suo viaggio il bambino visita una serie di asteroidi su cui vivono personaggi secondari, che si vedono solo per poche pagine: l’uomo d’affari, il re, l’alcolizzato, ecc. La loro diversità viene utilizzata per fare un panorama dei vizi morali degli adulti: avidità, orgoglio, intemperanza, ecc.

Dare loro un’identità distinta

I personaggi secondari non appaiono così spesso nella storia, quindi devono essere memorabili. Si può avere un semplice quadro di riferimento per la loro identità.

Si può approfondire l’aspetto fisico, gli hobby e gli obiettivi. È anche possibile collegarli a un determinato oggetto o luogo.

Si può anche andare un po’ oltre, descrivendo le loro speranze e le loro paure. Quando si sfruttano gli aspetti emotivi, il lettore può connettersi con essi a livello personale.

Limitare il numero di caratteri secondari

Il processo di creazione di personaggi secondari può essere divertente. Quando si hanno molte idee, è possibile aggiungerne altre per approfondire la trama.

Tuttavia, non dimenticate il vostro lettore. Quando si introduce una nuova persona nella trama, si sviluppa anche una nuova storia.

In questo caso, i vostri lettori avranno difficoltà ad assorbire le nuove informazioni.  Questo può essere frustrante perché o si perde la cognizione di chi sono questi personaggi o ci si perde nella trama.

Una storia ricca come Il Padrino è piena di personaggi secondari: la sorella e il fratellino di Michael, vari scagnozzi, ecc. Anche la bella Apollonia, che Michael sposa in Sicilia, è solo un personaggio secondario che non è coinvolto in nessuna trama importante.

Utilizzare i personaggi secondari per sviluppare il protagonista

I caratteri secondari servono a sviluppare i caratteri principali.

Questi personaggi secondari possono sostenere il protagonista o creare un conflitto contro di lui.

Di tutti i personaggi, sono i personaggi secondari che rendono la trama eccitante. Se non c’è un personaggio convincente a sfidare il protagonista, la tua storia diventa piatta.

I personaggi secondari sono un modo per portare sorprese nella trama. Segreti che nemmeno il protagonista sa.

Nella serie Friends, ognuno dei personaggi ricorrenti diventa un personaggio principale o di supporto in centinaia di trame. Per esempio, Monica è la protagonista di una storia d’amore in cui Ross è l’Antagonista, e Joey interpreta il personaggio di supporto che aiuta Monica.

Personaggi principali e secondari in Friends

I 4 tipi di personaggi secondari

Ci sono diversi modi per sviluppare un forte carattere secondario. Un modo è quello di sapere che tipo di ruolo si vuole che svolgano nella trama.

Personaggi dinamici

Secondo il suo nome, dinamico significa che il personaggio cambia nel corso della trama. Questo tipo di personaggio si adatta al tuo ruolo di protagonista.

I protagonisti non rimangono gli stessi dall’inizio alla fine. Sono classificati come dinamici perché le loro azioni e il loro comportamento cambiano nel tempo.

I vostri caratteri secondari sono la fonte di queste influenze. Quando un personaggio secondario è troppo dinamico, può portare a complicazioni nella trama.

Personaggi statici

Ciò significa che il tuo personaggio avrà un ruolo importante dall’inizio alla fine. Statico significa che i tratti della loro personalità rimangono gli stessi nella trama.

In tutte le situazioni, il vostro pubblico saprà come questo personaggio influenza il vostro protagonista. Ci si aspetta che offrano lo stesso supporto e le stesse caratteristiche, indipendentemente dalla situazione in cui si trova il personaggio principale.

Poiché rimangono gli stessi, i lettori li apprezzeranno per tutto il tempo. Non c’è niente di troppo sorprendente nei personaggi statici.

Ma questi personaggi sono i più gentili e accattivanti. Sono spesso di natura media, come noi lettori.

Personaggi tondi

Questo tipo di carattere secondario sembra essere conflittuale. Hanno preso le decisioni del protagonista perché sono essi stessi personaggi incerti.

Questo tipo di personaggio secondario valorizza il protagonista e cresce al suo fianco. Di conseguenza, possono anche causare qualche inconveniente al protagonista.

I protagonisti possono imparare ad avere pazienza con questi personaggi. Possono causare conflitti tra di loro. Alla fine, i personaggi rotondi sono una sfida per i protagonisti.

Un buon motivo per averli è che aiutano a rivelare i veri colori del vostro protagonista.

Personaggi piatti

Spesso vengono confusi con i caratteri statici perché condividono un tratto simile. Entrambi i tipi di caratteri secondari rimangono gli stessi per tutta la trama.

Piatto significa che hanno un tratto immutabile, come definito dalla definizione di caratteri secondari. Essi sono legati ad un unico tratto e da esso riconosciuti per l’intera trama.

Questo è spesso il caso dei mentori (concetto definito per la prima volta dal teorico della storia Vladimir Propp): il loro ruolo principale è quello di dare all’Eroe il suo obiettivo; a volte danno anche una motivazione, una ragione per agire; a volte danno anche i mezzi per agire: una chiave, una carta, un veicolo, un codice? Assumendo questo ruolo, non hanno bisogno di avere una psicologia profonda o una lunga storia precedente.

È importante avere personaggi terziari?

I personaggi terziari hanno un ruolo minore nella storia.

Molti di questi personaggi si trovano nel mondo interiore della storia. Essi contribuiscono solo a riempire il mondo, ma non sono legati alla trama principale.

Quando appaiono in una scena, spesso hanno una sola funzione in relazione alla trama. Nonostante il loro ruolo minore, nessuno scrittore dovrebbe negare l’importanza di questi personaggi, che aggiungono colore, verosimiglianza, realismo.

Quando il vostro Eroe va a un incontro in un caffè, ci saranno sicuramente persone tutt’intorno: sono personaggi del terziario, che non hanno un ruolo importante nella trama, ma che non possono non esistere.

Ad esempio, nel filmato di Thriller, quando l’eroe è al cinema, ci sono necessariamente personaggi terziari: gli spettatori.

Nel filmato di Thriller, gli spettatori sono personaggi terziari.

Conclusione

Creare un personaggio secondario può essere emozionante quando si scrive una storia. Essi aiutano ad approfondire la trama, a dare vita a un mondo credibile, a cambiare l’equilibrio del potere e ad arricchire la storia dal punto di vista tematico.

Spero che questa guida vi abbia dato un’idea migliore di come potete creare il vostro personaggio secondario.