Home » Blog » Blogs » Come scrivere una sceneggiatura » Come scrivere una storia complessa (parte II: Casi di studio)

Come scrivere una storia complessa (parte II: Casi di studio)

Dopo aver studiato la teoria di come scrivere una storia complessa, vediamo cosa possiamo farne.

Come scrivere una storia complessa : caso di studio

Diciamo che abbiamo il progetto di scrivere una storia d’amore.

A seconda degli altri parametri del progetto, in particolare del messaggio che vogliamo trasmettere al pubblico, saremo in grado di implementare le varie strutture di trama disponibili per creare gli effetti narrativi desiderati.

Storia n° 1: la draga cattiva

Vogliamo fare satira sull’approccio troppo semplicistico degli uomini al flirtare.

Sceglieremo una struttura di trama in serie, per avere un effetto comico ripetitivo, inclusa in un’altra trama di inquadratura.

Per prima cosa mostreremo un personaggio maschile, goffo ma sicuro di sé, rustico ma orgoglioso, macho ma che si crede quasi femminista. Notando che soffre di solitudine, e credendo di meritare di essere amato, si iscrive a un sito di incontri e ottiene le date.

Poi, racconteremo uno dopo l’altro quattro di questi incontri, che falliranno tutti. E questo personaggio, invece di imparare dai suoi errori, li renderà sempre più grandi.

In conclusione, quest’uomo si dirà che le donne non lo meritano e che solo una persona è degna di amarlo: se stesso.

Storia n° 2: Tre studenti in cerca d’amore

Riutilizzeremo più o meno la stessa struttura – una serie di trame incluse – ma cambiando un parametro importante: invece di mantenere lo stesso Eroe per le trame in serie, cambieremo Eroi ogni volta.

È quindi la storia di 3 studenti e dei loro amori. Inizialmente, tutti e 3 singoli, decidono di incoraggiarsi a vicenda per risolvere il problema, e si pongono l’obiettivo di trovare il loro partner ideale in un mese. Si incontreranno ogni settimana per fare il punto della situazione. Alla fine, fanno il punto della situazione.

Otteniamo un piano come questo:

  • Trama di inquadramento, Atto I: i 3 amici definiscono il progetto e i suoi termini
  • Trama di inquadramento, Atto II:
    • Trama in serie 1, Atto II: Lo studente 1 non incontra le persone
    • Trama in serie 2, Atto II: lo studente 2 moltiplica le riunioni – ma nessuna è adatta
    • Trama in serie 3, Atto II e falso Atto III: lo studente 3 ha un incontro, che sembra essere conclusivo
  • Trama di inquadramento, Atto II, continuazione: fanno il punto della situazione: Lo studente 1 confida il suo disagio e riceve consigli, lo studente 2 parla delle sue molteplici esperienze e riceve consigli nella direzione opposta, lo studente 3 dice di aver trovato l’amore perfetto
  • Trama di inquadramento, Atto II, continua:
    • Trama in serie 1, Atto II continua: dopo alcuni nuovi fallimenti, la studentessa 1 trova finalmente un incontro di suo gradimento, ma fa fatica a materializzarsi
    • Trama in serie 2, continuazione dell’Atto II: Lo studente 2 ha difficoltà ad applicare i consigli, moltiplica sempre gli incontri, ma nessuno è adatto
    • Trama in serie 3, sequel del secondo atto: l’amore perfetto per la Studentessa 3 si rivela un completo fallimento, così lei rinuncia a guardare, depressa
  • Trama di inquadramento, Atto II, continuazione: fanno di nuovo il punto …
    • Nuove avventure in ogni trama
  • Trama di inquadramento, Atto II:
    • Le trame in serie arrivano al loro Atto III quindi alla loro conclusione, felici o infelici
    • I 3 amici danno una valutazione contrastante delle loro esperienze

Un piano di questo tipo mobilita 3 tipi di struttura della trama: le trame d’amore sono sia seriali che intrecciate, e il loro insieme è intrecciato con una trama di inquadramento.

Storia n° 3: il fantasma dell’amore

In questa storia, vogliamo dimostrare che l’amore può sopravvivere alla morte.

Racconteremo quindi una prima trama, la storia d’amore tra due persone, che si concluderà con un grave incidente che porterà alla morte di una di loro.

Questa tragica trama lascia il posto a una seconda trama, dove il defunto torna a vivere con il primo sotto forma di fantasma.

Si tratta quindi di una struttura di trame fattoriali, dove la prima trama è l’esposizione della seconda e vi trasferisce un personaggio importante.

Storia n° 4: la farandola dell’amore

In questa storia, ci divertiremo a collegare quattro storie d’amore fondendole l’una nell’altra per creare un bellissimo effetto di continuità.

Creeremo quindi una struttura di trame intrecciate, ognuna delle quali prenderà almeno un personaggio principale della trama precedente.

Otterremo un piano di montaggio di questo tipo:

  • Trama 1, Atto I: A e B si incontrano e iniziano una relazione
  • Trama 2, Atto I: C e D sono in una relazione, ma C comincia ad allontanarsi
  • Trama 3, Atto I: A e C si incontrano, C è interessato ma A è già preso
  • Trama 1, Atto II: il rapporto sta andando bene, ma B mostra alcuni segni di stanchezza
  • Trama 2, Atto II: C cerca di rimanere nella coppia senza deviare, ma D scopre il suo tentativo con A
  • Trama 1, Atto III: A lascia B
  • Trama 2, Atto III: D lascia C
  • Trama 3, Atto II: A decide di rivedere C, e iniziano una relazione
  • Trama 4, Atto I: D si consola dopo un amico, E
  • ecc.

Con una tale struttura, facciamo una rappresentazione abbastanza realistica della complessità della vita reale, mostriamo i personaggi in varie sfaccettature, e trattiamo il tema in modo ricco e sempre rinnovato.

Conclusione

Oggi, quando ogni persona ha letto centinaia di libri o fumetti, ha visto centinaia di film e serie (Game of Thrones…), ha ascoltato migliaia di testi di canzoni, raccontare storie semplici non è più competitivo.

Così come è necessario, per comporre un brano musicale, per padroneggiare almeno intuitivamente i concetti della teoria musicale, è necessario, per scrivere una buona storia, padroneggiare i concetti di trama, struttura della trama e gioco dei personaggi.

E quando li padroneggiamo, possiamo poi raccontare un’infinità di storie ricche e complesse, capaci di trasmettere messaggi sottili, di produrre effetti narrativi notevoli, di competere con la realtà, di rappresentare il caleidoscopio della vita.